LA NOSTRA STORIA

ANNI OTTANTA

Emergenza droga, il vescovo Manfredini chiama un giovane prete.

Nasce “Progetto Uomo” e la grande avventura muove i primi passi.

  • 1980 - Nasce “La Ricerca” fondata da Don Giorgio Bosini

    in risposta all’emergenza droga. Con il sacerdote i primi volontari entrano in contatto con diverse esperienze di lotta alla tossicodipendenza, fra cui il gruppo Abele di don Luigi Ciotti, fino all’incontro decisivo con il metodo “Progetto Uomo” del Ceis, il Centro italiano di solidarietà fondato a Roma da don Mario Picchi.
  • 1984

    Dopo una prima fase limitata ai colloqui apre a Tavernago la prima comunità terapeutica, che dal 1985 è trasferita a Justiano, sopra le colline di Vigolzone.

ANNI NOVANTA

Esplode il dramma Aids, aperta una casa per i malati e nuove comunità

  • 1993 - Nasce casa “Don Venturini”

    Si manifestano i primi casi di persone colpite da HIV. Il Sinodo diocesano decide l’istituzione di una casa accoglienza affidandone la gestione all’associazione “La Ricerca”.
  • 1994 – Costituita la “P.a.Ce.”

    “La Ricerca” allarga il campo d’azione con sportelli di ascolto e progetti di prevenzione nelle scuole e nei luoghi di ritrovo dei giovani. Nasce l’associazione P.a.Ce. (Persona al Centro) con lo scopo di aggregare i volontari a supporto dei servizi dell’associazione.
  • 1995 - “La Ricerca” avvia il Centro “Don Zermani”

    per accogliere i giovani che hanno terminato il programma di Progetto Uomo. L’anno successivo, nello stesso edificio, viene aperto un laboratorio protetto destinato a persone con problemi di inserimento sociale. Seguirà la creazione di un ostello per la gioventù.
  • 1996 – Apre “Luna Stellata”

    A Justiano l’8 marzo viene inaugurata la comunità per madri in difficoltà “Luna Stellata”, mentre nella sede di Stradone Farnese si avvia l’area prevenzione con iniziative educative per studenti e famiglie.
  • 1998 – La rete si allarga con “Emmaus”,

    comunità di doppia diagnosi rivolta a persone con problemi di dipendenza e complicanze di natura psichiatrica.

ANNI DUEMILA

Non più solo azione, ma promozione di una nuova sensibilità.

Dall’emergenza educativa al disagio sociale.

  • 2000

    “La Ricerca” è chiamata a gestire il Centro educativo di Cortemaggiore ed è capofila di un progetto che coinvolge le agenzie educative presenti sul territorio. Organizza il concorso giornalistico “Tra Sogni e Realtà” per sensibilizzare gli studenti delle Superiori su temi loro vicini ed avvicinarli al volontariato.
  • 2002

    Tra i nuovi volti della tossicodipendenza spunta quello delle “droghe leggere” e “La Ricerca” attiva il “Gruppo Diogene” che offre sostegno a giovani che manifestano i primi sintomi di disagio.
  • 2004

    La rivista dell’associazione compie vent’anni, entra anche nelle scuole, canale di dialogo con le redazioni scolastiche delle Superiori e introduce un supplemento curato dagli studenti.
  • 2006

    “La Ricerca” apre e gestisce a Castelsangiovanni la Casa “Il Raggio” per persone con difficoltà psicosociale.
  • 2007

    Nasce “Counseling Piacenza” per offrire consulenza sul piano del disagio psicologico, relazionale, educativo, sociale, spirituale. “Luna stellata” si trasferisce da Justiano alle porte di Piacenza, in località La Magnana.
  • 2009

    Daniela Scrollavezza subentra a don Giorgio Bosini alla presidenza de “La Ricerca”.

2010: LE NUOVE SFIDE

Si diversificano i settori dell’impegno: famiglia in crisi, genitori che chiedono aiuto, educazione degli adolescenti, ruolo educativo dell’insegnante.

Cambia lo scenario della tossicodipendenza: i consumatori sono sempre più giovani, si delinea il fenomeno della poliassunzione e “La Ricerca” si adegua personalizzando i percorsi di recupero.

  • 2011

    Assegnato a don Giorgio Bosini il 25° Antonino d’oro che premia un piacentino che si sia distinto facendo onore alla sua terra d'origine.
  • 2012

    La società farmaceutica internazionale “GileadSciences” attribuisce a “La Ricerca” il premio nazionale Community Award Program per il progetto “Parliamone - Servizio di counseling all’interno dell’UO Malattie infettive di Piacenza”.
  • 2014

    Contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico: l’associazione “La Ricerca” realizza progetti in collaborazione con Coop L’Arco. Avvia gruppi di counseling per familiari di giocatori e weekend intensivi di pacificazione familiare.
    Apre la Casa Famiglia “La Corte dei miracoli” in collaborazione con il servizio SerT di Cortemaggiore.
  • 2015

    Gian Luigi Rubini subentra a Daniela Scrollavezza alla Presidenza de “La Ricerca”.
  • 2016

    Convegno per il ventennale di “Luna Stellata” - “Storie di mamme (e bambini) - Dal dolore alla rinascita, percorsi di donne, testimonianza per tutti”. Ospite d’eccezione il condirettore del Corriere della Sera Barbara Stefanelli, ideatrice del blog La27ORA.
  • 2017

    La Ricerca avvia una stretta collaborazione di promozione culturale sui temi dell’accoglienza e dell’integrazione con la Fondazione Opera Pia Alberoni.
  • 2019

    In seguito alle restrittive misure governative in materia di accoglienza, chiude dopo due anni di impegno il Centro di Accoglienza Straordinaria per persone straniere richiedenti asilo presso la struttura “Don Zermani” di via Zoni.
  • 2020

    Con una serata-incontro con don Luigi Dossetti, fondatore del Ceis di Reggio Emilia, si apre il ciclo di confronti del percorso “Obiettivo 5” voluto dalla Ricerca in occasione del suo 40mo di fondazione per riflettere sulla propria identità tra passato, presente e futuro.
    16 marzo – Grave lutto per l’associazione “La Ricerca” e per l’intero territorio piacentino: muore il fondatore Don Giorgio Bosini. E’ uno dei cento sacerdoti vittime del coronavirus a cui papa Francesco rivolge le sue preghiere definendoli “santi della porta accanto”.