Nel mondo 35 milioni di persone con disturbi per droga

La produzione di cocaina batte tutti i record. Lo confermano le statistiche presentate nel "World Drug Report 2019", l'annuale rapporto pubblicato dall'Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine (UNODC). Secondo lo studio il 2017, anno al quale il rapporto fa riferimento, è stato l'anno d'oro della produzione di cocaina che ha registrato un aumento del 25% rispetto all'anno precedente. In totale sono state prodotte 1.976 tonnellate di polvere bianca. Queste cifre confermano un trend già manifestatosi nel 2016 quando la produzione di cocaina aveva registrato un aumento di un quarto rispetto all'anno precedente. 

Il motivo principale del boom è l'aumento della domanda in Occidente. La cocaina prodotta è assorbita principalmente dai mercati nordamericano ed europeo. E' difficile misurare con precisione il livello di consumo, ma il rapporto stima che ci siano circa 18,1 milioni di persone che facciano uso della polvere bianca ovvero lo 0,4% della popolazione mondiale che ha tra i 18 e i 64 anni.                   

Un alto consumo di cocaina si registra in Oceania (Australia e Nuova Zelanda, 2,2% della popolazione), America del Nord (2,1%), Europa (1,3%) e Sudamerica (1 %). In tutte queste sotto-regioni - si legge nel rapporto - negli ultimi anni la richiesta e il consumo di cocaina è aumentato sensibilmente. 

Secondo il rapporto delle Nazione Unite la produzione di oppio è crollata per la prima volta in due decenni, con un calo del 25%. In totale, nell'anno 2018, sono state prodotte  7.790 tonnellate di oppio. Il declino è dovuto in particolare ad un calo del 17% del suolo coltivato a papavero in Afghanistan, che rappresenta oltre l'80% della produzione mondiale.

Nonostante il calo della produzione, l'uso di oppiacei continua a crescere in tutto il mondo, soprattutto in Nord America. In generale i derivati dell'oppio sono assunti da 53,4 milioni di persone nel mondo e nel 2017 si sono registrate nei soli Stati Uniti 47 mila decessi causati da prodotti sintetici. In particolare l'aumento delle morti negli Usa è dovuto all'uso del fentanyl, un oppiaceo sintetico 50 volte più potente dell'eroina e facilmente reperibile su prescrizione medica.

La cannabis resta la droga più richiesta nel mondo con 188 milioni di consumatori. In diversi Paesi è legalizzata o tollerata. In totale - conclude il rapporto - fanno uso di droghe circa 271 milioni di persone, pari al 5,5% della popolazione globale di età compresa tra i 15 e i 64 anni, mentre si stima che 35 milioni di persone soffrano di disturbi legati all'uso di stupefacenti.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Prossimi Eventi

20 Lug 2019;
Sabato Luglio 20
All'osservatorio per i 50 anni dello sbarco sulla luna
22 Lug 2019;
Lunedì Luglio 22
Orario estivo allo SVEP
23 Lug 2019;
Martedì Luglio 23
Al museo di storia naturale