NEWS ALLA “RICERCA”

NEWS A PIACENZA, IN ITALIA

A Newcastle per parlare del nostro sostegno ai familiari dei giocatori d'azzardo

La rete piacentina di sostegno ai familiari dei giocatori d’azzardo patologico sta dando risultati confortanti. L’esperienza, portata avanti da ormai sei anni grazie all’unione di forze e competenze di tre realtà impegnate sul fronte di questo disagio dilagante - la cooperativa educativa “L’Arco”, l’associazione “La Ricerca” e l’Azienda sanitaria locale – è stata presentata nei giorni scorsi a Newcastle al primo convegno internazionale sul tema del lavoro con i familiari di chi ha una dipendenza, la “Addiction & the Family International Network (AFINet) – 1st International Conference”. Ambasciatori in Inghilterra di questo speciale servizio di solidarietà sono stati nei giorni scorsi le counselor Alessandra Bassi (“L’Arco”) e Fausta Fagnoni (“La Ricerca”) che con il dottor Maurizio Avanzi, responsabile per la cura del disturbo da gioco d’azzardo per la Ausl di Piacenza, hanno partecipato al meeting internazionale insieme a ricercatori ed esperti di ventiquattro Paesi di tutto il mondo. Titolo del loro intervento “Supporting gamblers’ families in pacification paths: Passing through lies, manipulation and love bonds”: sul palco dei relatori al “The Great Hall” presso il Discovery Museum di Blandford Square, Alessandra Bassi, in particolare, ha parlato dei pericoli che corrono le famiglie dei giocatori d’azzardo: “Tensioni enormi si trascinano per anni, e i danni relazionali sono gravi quanto quelli economici. Per questo la rete piacentina propone percorsi di pacificazione per aiutare le famiglie a ricostruire relazioni più positive, lavorando in gruppo sulle menzogne, sul supporto sociale e sulle modalità di affrontare i problemi”.

Al convegno è intervenuta anche Daniela Capitanucci di And (Azzardo e Nuove Dipendenze) che ha focalizzato l’attenzione sul trauma dei familiari di giocatori. Nella foto, la dott.ssa Capitanucci è la prima a sinistra accanto a Fausta Fagnoni con, a destra, Alessandra Bassi. Ultimo a destra il dottor Maurizio Avanzi. Con loro alcuni studiosi sui cui testi i nostri esperti piacentini si sono formati, tra cui Joël Tremblay esperto in terapia di coppia con i giocatori d’azzardo, e il britannico Jim Orford, uno dei fondatori del metodo di counselling dei 5 passi, che nella plenaria conclusiva ha definito l’intervento piacentino “molto interessante e particolarmente originale”.

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Seguici sui nostri Social

Iscriviti alla newsletter

5mille
la ricerca 5millepace 5mille

Prossimi Eventi

21 Dic 2018;
Venerdì Dicembre 21
"Pia Pozzoli", auguri e confronto
23 Dic 2018;
Domenica Dicembre 23
Ogni mercoledì consulenza gratuita alle APS
23 Dic 2018;
Domenica Dicembre 23
Tombolata cinematografica

Dove siamo